domenica 1 novembre 2015

QOM/ quote of the month #22

"La vita è ingiusta" è un'esclamazione che mi ripeto spesso perchè purtroppo è così, la vita -purtroppo o per fortuna- non sempre è giusta, non sempre dà a chi merita, non è logica, non ti fà andare da a verso b anzi, a volte ti fà fare dei giri strani, non è come un filo dritto e ben teso ma somiglia piuttosto al filo attorcigliato delle cuffie che abbiamo in fondo alla borsa. 
La vita è fatta di coincidenze sbagliate, di calzini spaiati, di conversazioni interrotte sul più bello, la vita a volte è come quel professore che quando ti interroga chiede le cose più assurde mentre, quando interroga la persona accanto a te chiede la domanda a piacere; è come quel brufolo che ti spunta in mezzo al viso proprio quando hai un'occasione importante. 
Per non parlare poi di ingiustizie ancora più grandi, come ad esempio laureati che si ritrovano a lavorare in un fast food e persone senza nè arte nè parte che con una raccomandazione si ritrovano dietro una scrivania oppure, finti invalidi che percepiscono una pensione di invalidità mentre ai veri invalidi a volte non viene riconosciuta... questo solo per fare qualche esempio di problemi più seri, ma non voglio andare su temi troppo spinosi, non è questo il posto. 
Quante ne vediamo intorno a noi? E non capisco mai perchè a me deve andare sempre male, non capisco perchè vedo le persone intorno a me che con il minimo sforzo ottengono grandi risultati mentre io per ottenere qualcosa devo sempre fare i tripli salti mortali, perchè per me non ci sono eccezioni o scorciatoie? 
E se la vita è ingiusta, perchè lo deve essere solo per me? 
Così non vale, non lo accetto, se voi avete una risposta logica, vi prego illuminatemi.

In breve, la vita è:
-Mi scusi mi dà un cornetto a cioccolato?
-Mi spiace, sono terminati. Solo cornetti a marmellata.
#maiunagioia 

Ps. Auguri al mio blogghetto che compie 2 anni.
Grazie :)
{SF}

25 commenti:

  1. auguri al blog^_^ e hai ragione la vita a volte è ingiusta

    http://glampond.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto, tanti auguri al tuo blog! *-*
    Poi, mi sento di dirti che la penso esattamente come te e ho piacere di commentarti con le frasi che hai scritto che mi hanno colpita di più:
    - non è come un filo dritto e ben teso ma somiglia piuttosto al filo attorcigliato delle cuffie che abbiamo in fondo alla borsa
    - la vita a volte è come quel professore che quando ti interroga chiede le cose più assurde mentre, quando interroga la persona accanto a te chiede la domanda a piacere
    Mi sento di dirti una cosa: anch'io in questo periodo mi sento un po' come te, in certi momenti sono davvero pessimista, ma sono anche convinta che, prima o poi... la ruota gira!

    Un bacione cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che sembra che giri sempre e solo per gli altri. :(

      Elimina
  3. Hai perfettamente ragione cara e purtroppo non c'è una spiegazione a questo "dogma", purtroppo bisogna o accettarlo o lottare affinchè le cose cambino, anche se è dura :(
    Tanti auguri al blog cara! ^-^
    www.milleunrossetto.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cambino ho i miei dubbi! grazie per gli auguri :)

      Elimina
  4. io sono una di quelle persone "sfigate" che tipo all'esame il prof gli chiede tutto, quella che quando piove non ha l ombrello a livello che Noè mi saluta con la manina, quella che si deve uccidere sempre e comunque in tutto che sia per l'università , per l'amicizia (ho sempre e dico sempre amiche con qualche sindrome che devo sorbirmi!) per tutto.. ma la vita è così.. cerco di apprezzare quel che di buono mi capita sempre ^^

    mallory

    RispondiElimina
  5. Ciao! E Auguri al tuo blog per il vostro percorso insieme! Che dire ..tale e quale!Mi ritrovo anche in tutti i comenti che ho potuto leggere fin qui..
    Io sono esattamente quella a cui il prof chiede tutto, mentre a quella prima di me si chiede di recitare a memoria l'inno nazionale e.. manco tutto..! Anche per l'ombrello ne avrei da raccontare e in quanto a strada da fare non ne parliamo proprio!!Tutto in salita.
    All'inizio anch'io mi son fatta le stesse domande, chiedendomi dove stava il tranello! Poi ho cominciato a pensare che forse sì, c'è chi deve impegnarsi il doppio con la "fortuna contraria" ,però forse, abbiamo rispetto agli "altri" la fortuna vera di cogliere le sfumature delle piccole cose belle che ci accadono! Vedi io credo fortemente che non sono i successi e gli applausi degli altri di cui ho veramente bisogno, ma di fare del mio meglio e di godermi le cose che sono davvero importanti!! E credimi chi ti è passato davanti non sa neanche cosa siano e che esistono!! Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una magra consolazione ...ma non posso darti torto!

      Elimina
  6. Tanti auguri al tuo blogguccio!!!
    Eccomi presente! Sono una via di mezzo tra la sfiga di Paperino e la lamentela di Calimero (foto esplicativa)
    Ormai nemmeno mi stupisco più, però almeno quando le cose mi vanno bene me le godo il triplo di chi è abituato ad avere vita facile!!
    Spero sempre che il Karma prima o poi si ricordi di me e mi compensi del fango che mi ha gettato in questi anni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, karma se ci leggi, batti un colpo! :)

      Elimina
  7. Sai che ho paura che sia così un po' per tutti? Non che la cosa riesca a rincuorare...
    E se fosse che a ognuno va storto qualcosa ma non ne siamo consapevoli?

    Auguri per il blog! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello di sicuro, però almeno in questo post lasciami fare la vittima e lamentarmi... e dire che si, magari anche agli altri non va bene tutto ma comunque a me vanno male più cose che agli altri... non è che la vita fa' un po' ciascuno!

      Elimina
  8. Auguri al blog! E' vero, tante volte non ci sono scorciatoie, ma quando arrivi all'obiettivo non è bello pensare che hai fatto tutto da sola, senza accorciare? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello si, non è che voglio per forza la scorciatoia, dico solo che o partiamo tutti dallo stesso punto (e poi ognuno arriva dove merita) o non è giusto. Se io non prendo la scorciatoia, sarebbe giusto non la prendessero neanche gli altri, chi sono io, la figlia della serva? Non lo trovo giusto.

      Elimina
    2. Questo è vero purtroppo.

      Elimina
  9. La vita non solo è ingiusta, ma lascia sopravvivere solo gli stronzi. Mi dico che si raccoglie ciò che si semina, la verità però è che io semino, gli stronzi raccolgono e io rimango inculata. Perdona il francesismo ma non sono di buon'umore e il tuo post mi istiga da morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare, a volte siamo tutti madrelingua francesi, e ti appoggio in ogni parola. #fml

      Elimina
  10. ma nemmeno per il tuo compliblog ci stavano sti cornetti??? sfondi na porta aperta porco cacchio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io e la nuvoletta di Fantozzi ormai siamo una cosa sola!

      Elimina
  11. Auguri al tuo blog, cara :*
    Per quanto riguarda l'ingiustizia, non credo di poterti riempire di frasi piene di speranza, anche perché non le posseggo... ma ti posso dire che dobbiamo vivere questa vita, per forza, e allora si deve cercare il proprio equilibrio (che può essere anche lo squilibrio più totale) e fregarsene del modo di vivere di chiunque ci stia intorno.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Quello è verissimo, fregarsersene degli altri è la regola numero uno! ;)

      Elimina